Crea sito

Policultura: "Una scuola mela-vigliosa"

Ecco il lavoro svolto con il Politecnico per la creazione della narrazione digitale

 

LA NARRAZIONE DIGITALE  a cura della prof. De Blas

TEMA SCELTO PER LA NARRAZIONE: “Una scuola per noi”
NARRAZIONE: ecco la storia in sintesi creata dai bambini tramite discussioni guidate.
Un gruppo di bambini che abita in un piccolo paese circondato da un bosco (per riprendere il tema dello sfondo presente i tutte le attività) si reca a scuola per la prima volta desideroso di imparare e pieno di aspettative positive. Arrivati nella nuova scuola i bambini restano delusi perché si accorgono che è vecchia e diroccata, le finestre sono rotte, le pareti scalcinate, l’aula quasi vuota e con i banchi sciupati e spaccati, la lavagna al muro cade e non ci sono cartelloni…. Ad accoglierli c’è una direttrice brutta, cattiva e brontolona  che li avvisa circa il loro futuro scolastico fatto di duro lavoro, di sofferenze ed umiliazioni senza canti, palestra, computer, ricreazione o divertimenti… Tanto che il nome della scuola è SCUOLA PRIMARIA “IMPARANDO SMORTI” . I bambini preoccupati e amareggiati decidono di ritornare a casa, quando dalla porta dell’aula entra una maestra strana e simpatica, Patty Pippins, che li accoglie cantando una simpatica canzone e aprendo una grande borsa colorata dalla quale tira fuori degli oggetti fantastici: una strana lavagna (LIM) che parla, suona, fa vedere video ed immagini e permette ai bambini di scriverci sopra con le dita, delle tavolette magiche (iPad) con tanti giochi per leggere, scrivere e contare e costruire fantastiche storie.dei computer sui quali disegnare e scrivere ed una “nuvola” (sito classe, blog e wiki) dove raccogliere e comunicare a tutti i nostri lavori. I bambini, felici e contenti di tutte queste novità iniziano a lavorare in questa nuova scuola: imparano a leggere, a scrivere e a contare sulla LIM (le lezioni saranno depositate nel sito della classe), si esercitano e costruiscono le storie delle lettere e dei numeri con il tablet (le lezioni con l’iPad saranno depositate nel sito della classe e i piccoli libri digitali nello spazio Wiki) e creano la storia “La scuola per noi” per Policultura ai computer presenti in classe documentando le attività principali con foto e disegni legati alle varie attività.
Il finale dobbiamo ancora costruirlo perché tutto è in via di elaborazione, ma dovrebbe finire con i bambini felici di vivere in questa scuola perché…….. tanto che le cambieranno il nome in SCUOLA PRIMARIA “IMPARANDO DIVERTITI”.

PIANO EDITORIALE

Andiamo a scuola!
La maestra Patty Pippins
Al lavoro!
Bella la scuola!

MODALITA’ DI REALIZZAZIONE.
Discussioni generali per decidere argomento, il piano editoriale, la creazione dello storyboard e l’individuazione dei materiali da utilizzare e successiva assegnazione dei compiti a gruppi.
Si prediligono gruppi omogenei per favorire una maggiore collaborazione e, vista la non padronanza della lingua scritta, consentire a chi ha già acquisito una sufficiente sicurezza nella scrittura di poter scrivere i testi. Inoltre si ritiene che ciò favorisca la creatività e l’inclusione perché ciascuno, inserito nel gruppo dove sa già fare qualcosa possa dare il suo contributo al tutto. A turno, per favorire la relazione tra gli altri e la responsabilità,  svolgerà il ruolo di “project leader”.
Per la realizzazione dei testi, dell’immagini e dell’audio, vista la storia già definita, avrei pensato di stabilire con i bambini con precisione il testo chiedere a loro di interpretarlo con un disegno o scegliendo insieme a loro le foto giuste da abbinare.
 

IL PROGETTO DIDATTICO  a cura del prof. Paolini

BENEFICI COGNITIVI:
1. facilitare l’ acquisizione di competenze di base (es. avvio alla scrittura di frasi e dialoghi);
2. incentivare la creatività;
3. organizzare i contenuti in una sequenza logica e corente;
4. riflettere su se stessi e sulle proprie esperienze;
5. analisi e risoluzione di situazioni problematiche;
6. promozione dell’interdisciplinarietà tra i saperi
BENEFICI MOTIVAZIONALI
1. Incentivare la partecipazione, la motivazione (generale e specifica) e l’autostima.
2. Favorire l’inclusione di tutti i bambini con i loro livelli.
BENEFICI RELAZIONALI
1. Acquisire una maggiore autonomia.
2. Sapere lavorare in gruppo.
3. Migliorare i rapporti tra alunni e con l’insegnante.
4. Facilitare i rapporti con le famiglie.
BENEFICI TECNOLOGICI
1. Avvio ad una competenza tecnologica di base (accesso al pc, digitazione testo, registrazione audio cliccando sui tasti giusti, semplici modifiche di immagini..)
BENEFICI COMUNICATIVI
1. Sapersi esprimere secondo le proprie capacità (espressive, verbali e non , tecnologiche..).
2. Imparare a raccontare.
3. Creare contenuti digitali personali ed originali volti a far comprendere il messaggio da far passare.

RACCONTARE UN 'ESPERIENZA DIDATTICA docente Luca Ferrari

SCOPI TECNOLOGIE
ATTIVITA’ PERCHE’

LIM Attività di classe curricolari
Presentazione multicodice delle lezioni
Esercitazioni
Condivisione delle storie da creare
Attività per Policultura
Condivisione della storia da creare, del piano editoriale, della raccolta dei materiali.
Scrittura collaborativa dei testi
Scelta immagini Potenziare motivazione e interesse
Aumentare attenzione
Attivare più canali d’apprendimento
Potenziare la condivisione e la collaborazione

TABLET E PC Attività di classe curricolari
Esercitazioni con App e/o attività create dal docente
Creazione libri digitali
Attività per Policultura
Scrittura testi
Elaborazione e modifica immagini
Creazione audio Realizzare attività più vicine alle nuove modalità di apprendimento dei nativi digitali.
SOLUZIONI DIDATTICHE INCLUSIVE
LIM Lezioni frontali
Lezioni collaborative Partecipazione di tutti a secondo delle loro capacità alla creazione delle varie storie.
TABLET E PC Attività di coppia e/o piccolo gruppo
Attività individualizzate Esercitazioni ed attività a livelli
PROBLEMATICHE Per realizzare a pieno tali attività sarebbe auspicabile avere un tablet e/o pc per alunno

Utilizzare MOODLE per la narrazione digitale a cura della prof. Chiara Laici

Utilizzo della piattaforma Moodle del Politecnico per discutere con i genitori il percorso ed il titolo finale della storia.
 

ECCO IL LAVORO FINALE